Ancona – Matera 2-2, in finale c’è il Venezia. Le Pagelle di Tommaso Taccardi

0
32

Un Matera apparso ancora lontano dalle sue prestazioni migliori impatta una gara che, dopo circa 30 minuti di gioco, la vedeva soccombere sotto i colpi inferti da Ricci all’11’ e Zappa al 27′. Soliti errori per i biancazzurri materani e solite amnesie difensive a cui pongono rimedio, nella seconda frazione di gioco, grazie alle giocate di Strambelli che innescano prima il colpo di testa di Gigli (52′), per il momentaneo 2-1 e poi il tocco sotto porta di Negro (61′) fissando il punteggio sul definitivo 2-2 che permetterà alla squadra guidata da Auteri di affrontare in finale di coppa Italia di lega pro il Venezia di Pippo Inzaghi.

Le pagelle di Tommaso Taccardi:
22) Tozzo VOTO 6,5. Mezzo voto in meno perché, sul primo gol, poteva essere più padrone della sua area piccola. E’ stato tra i migliori, al 32′ vola all’incrocio a deviare in angolo la conclusione di Momentè, al 49 in uscita su Daffara, chiude bene lo specchio ma al 56′ si supera tenendo a galla i suoi con un paratone su tiro di Zampa.
2) Scognamillo VOTO 5. Appare indeciso in qualche situazione difensiva, complice disattento in una difesa che rimane spesso sulle gambe.
3) Mattera VOTO 5 Impiegato nel cuore della difesa non riesce a dare quella sicurezza che ha spesso dato in altre circostanze. La squadra attraversa un momento delicato nel pacchetto arretrato.
36) Gigli VOTO 6. Salva la sua prestazione con la rete che ci riconsegna la finale dopo averla buttata alle ortiche. Imbambolato in occasione del primo gol di Ricci e complice, con De Rose, in occasione del secondo gol dorico di Zampa.
13) Meola VOTO SV Il traversone per Casoli al 12′ e suo, si fa presto male e viene sostituito al 18′ da SALANDRIA (6) che con la sua corsa risulta essere utile alla causa sostenendo sia il centrocampo che la difesa.
21) Armellino VOTO 5,5. Lontano parente di quel Marco Armellino che noi tutti conosciamo, non resta che aspettarlo.
4) De Rose VOTO 5. Non il solito contributo per lui, pasticcione in occasione del secondo gol dell’Ancona coinvolto nel problema mentale di tutto il team.
27) Casoli VOTO 6,5. La finale raggiunta è sopratutto merito suo sia per il gol vittoria dell’andata che per il salvataggio compiuto sulla linea di porta in una fase delicata dell’incontro. Al 12′ sfiora il gol di testa.
10) Strambelli VOTO 6,5. Più vivo del solito. I suoi assist sono pennellate al servizio di Gigli e Negro. DECISIVO.
9) Infantino VOTO 5,5. Non ancora nella condizione ideale, si ha l’impressione che può dare la profondità giusta che serve alla squadra, nell’unico tiro in porta al 57′ si fa male e viene sostituito da DI LORENZO (6) che si sistema nella linea difensiva completando la linea a quattro concedendosi anche qualche sgroppata sulla fascia.
29) Negro VOTO 6,5. Instancabile fino a quando è stato in campo. Si fa trovare pronto all’appuntamento con il gol al 61′. Sostituito da LANINI al 65′ (SV) che da freschezza in attacco ma conclude a rete soltanto al 91′ impegnando in corner il portiere, troppo poco per giudicarlo.
All. Auteri VOTO 6.
Mettere in campo la miglior formazione possibile sotto il punto di vista mentale, in questo momento, è impresa ardua. Il Matera sceso in campo ad Ancona, nonostante la linea a 4, prende gol ogni qual volta la palla attraversi la nostra area di rigore mettendo a nudo un momento psicologico delicato. La finale di coppa è stata raggiunta, occorrerà riorganizzarsi bene in vista degli eventuali play off se, veramente, si vuol raggiungere un traguardo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here