“Divisioni cristiane e prospettive ecumeniche”, primo saggio storico di Lorenzo Masciandaro

0
331

In occasione della rassegna “Giornate dell’editoria lucana” a cura del Consiglio regionale della Basilicata è stato presentato qualche giorno fa a Matera all’interno dell’ex ospedale San Rocco il libro “Divisioni cristiane e prospettive ecumeniche”, primo saggio storico di Lorenzo Masciandaro. All’incontro con l’autore hanno partecipato il coordinatore dell’ecumenismo materano don Donato Giordano, il pastore Cristiano Evangelico battista Luca Reina, l’editore Timoteo Papapietro e il teologo Daniele Giacoia, direttore della sezione TeologicaMente e curatore editoriale del libro.

L’elaborato offre al lettore un’analisi privilegiata per la disamina dei fatti storici che hanno caratterizzato e caratterizzano il cristianesimo. Egli può centellinare l’immediatezza e il convincimento della veridicità del racconto storico portato alle sue fonti. I fatti narrati, visti come atti, concedono una lettura piacevole e interessante. La storia così come narrata e descritta, autentica e attraente, fra i tanti libri e percorsi tracciati offre un sentiero diretto, positivo e anche rigoroso, facilmente percorribile. La lettura nella variegata esposizione di avvenimenti e racconti intrecciati di avvenimenti annodati alla nascita e alla espansione del cristianesimo nel corso dei secoli è per se medesima appropriata a coinvolgere il pensiero, l’immaginazione la coscienza per rivisitare i fatti intessuti nel passato e contestualizzarli nel presente. Il cammino tracciato da una parte rivisita il passato, la storia, le tracce e i documenti che hanno caratterizzato le divisioni tra i cristiani dall’altro proietta nel futuro e attraverso un’analisi del dialogo ecumenico nel recente passato sottolinea la necessità di un cammino impostato sulla reciproca comprensione che deve accompagnare il cristianesimo per affrontare le sfide lanciate da una società laica e pluriconfessionale.

L’autore dopo la maturità scientifica, ha conseguito nel 2015 il titolo di dottore in Storia presso l’Università degli studi di Bologna e nel 2018 si è specializzato con lode in Storia medievale con una tesi dal titolo: “Urbano VI e la Festa della Visitazione: Aspetti religiosi, politici e profani”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here