Il Matera conquista il primato in Serie D. Nuova sconfitta interna per il Melfi

0
39

La copertina della domenica spetta al Matera che, nel girone H della Serie D, conquista il primo posto ai danni del Real Marcianise. Una rincorsa lunghissima quella della società biancazzurra che, dopo varie vicissitudini tecniche, è riuscita ad arrivare al primo posto in classifica e punta a non lasciarlo fino alla fine del campionato. Mister Cosco, tornato sulla panchina materana da cinque giornate, è alla quinta vittoria consecutiva e la sua squadra sembra aver trovato le giuste geometrie per poter finalmente dominare il torneo. Il Matera è, dunque, la nuova capolista, visto il concomitante pareggio del Real Marcianise contro il Bisceglie: l’undici lucano ha superato al “XXI Settembre” l’Internapoli Puteolana 2-1 grazie alle marcature di Iannini e Picci, intervallate dal momentaneo pareggio campano di Salvati.
Buona prova dei padroni di casa che, dopo solo 8’, sono avanti grazie al gol di rapina siglato da Iannini che sfrutta la deviazione della barriera per impossessarsi della sfera e battere Despucches. Il Matera sfiora ripetutamente il raddoppio, ma spreca troppe occasioni e viene punita dall’unico assalto campano: il tiro di Siciliano sbatte sul braccio di De Franco in area e per l’arbitro è calcio di rigore. Si incarica della battuta Salvati che non sbaglia l’esecuzione e pareggia i conti. Il secondo tempo si apre con i biancazzurri all’attacco e al minuto numero sei Iannini entra in area e viene steso: per il signor Maggioni di Lecco è calcio di rigore. Picci non sbaglia e riporta avanti la sua squadra. Al 17’ il neoentrato Varsi colpisce la traversa. Pochi altri sussulti e Matera che conduce in porto una vittoria fondamentale per la vittoria del campionato.
Giornata storta per il Melfi di Bitetto che viene superato all’ “Arturo Valerio” dalla corazzata Cosenza 1-0. I gialloverdi cedono in pieno recupero ai rossoblù in una partita davvero strana che ha visto il Melfi sciupare alcune occasioni d’oro, come quella capitata sui piedi Cruz a pochi secondi dal termine. La classifica si fa ora preoccupante: la truppa lucana si trova in piena zona play-out e la retrocessione diretta dista solo due punti. Serve rialzarsi in fretta per mantenere la categoria. Ottima la prova dei gialloverdi che hanno tenuto testa ad uno dei team più forti di questa Seconda Divisione: tanto equilibrio nel primo tempo con un Melfi abbastanza pericoloso, mentre nel secondo tempo la squadra calabrese ha tentato di imboccare la via della vittoria più volte, riuscendoci solo al 95’, quando l’erroraccio di Cascone, che colpisce la palla con il braccio in piena area, ha compromesso il match. Dal dischetto l’ex di turno De Angelis insacca per la gioia della squadra ospite che mette la parola fine ad una crisi di risultati fastidiosa, mentre il Melfi continua ad annaspare tra i suoi mille problemi.
Giornata d’oro per le squadre lucane in serie D: se il Matera ha conquistato il primato ,le altre formazioni della nostra regione hanno conquistato vittorie importantissime.
Il Francavilla di Lazic ha espugnato il campo del Gladiator per 1-4, ma il risultato non tragga in inganno: infatti, la squadra campana è rimasta in gioco fino agli ultimissimi minuti della partita, prima di arrendersi ala formazione sinnica che non è riuscita a chiudere prima la partita. L’undici lucano, dopo 25’, si porta in vantaggio con Sperandeo bravo a battere Munao dal limite dell’area. Sulle ali dell’entusiasmo, il Francavilla raddoppia grazie al sinistro chirurgico del difensore Ferrara che sfrutta al massimo una corta respinta della retroguardia locale. Nel secondo tempo il Gladiator accorcia le distanze al 15’, con De Falco che realizza il calcio di rigore fischiato per fallo di mano di Sekkoum. E proprio in questo momento che si erge ad assoluto protagonista Munao che respinge tutti gli assalti dei sinnici che intendono mettere in ghiaccio la partita: ma, il portiere nerazzurro capitola al 44’ quando Gasparini mette il pallone in rete dopo la deviazione del portiere di casa autore di un’altra grande parata. Un minuto dopo il passivo per i campani si aggrava: Russillo fugge sul filo del fuorigioco e trafigge per la quarta volta un Gladiator sempre più ultimo in classifica.
Seconda vittoria consecutiva per il Real Metapontino che supera di misura il Mariano Keller e si porta a -3 dalla zona salvezza: al “Rocco Perriello” di Policoro al Real basta la rete di Bongermino per avere la meglio su una squadra, quella campana, comunque mai doma. Il gol che ha deciso l’incontro è arrivato dopo nemmeno un minuto di gioco quando la giovane punta, di testa su assist di De Tommaso, ha battuto il portiere Napoli. La gara non è stata assolutamente bella, visto che il terreno di gioco in pessime condizioni ha limitato fortemente il bel gioco e la partita ha vissuto di sporadiche iniziative, con la Celeste che è riuscita a mantenere il risultato e conquistare i secondi tre punti consecutivi che rianimano le speranze salvezza della squadra di patron Casalnuovo.
Il Rossoblù Potenza si avvicina alla Serie D, sconfiggendo al “Viviani” il Vitalba 2-0, grazie al solito Murano che realizza una doppietta che piega le resistenze della squadra di La Capra. Ora il vantaggio sul secondo posto è addirittura di undici punti: il Picerno, infatti, non va oltre lo 0-0 a Pomarico e vede allontanarsi sempre più la truppa di Camelia.
Clamoroso stop dello Sporting Lagonegro che viene fermato in casa dalla grande prestazione del FST Rionero che riesce a recuperare allo svantaggio firmato Laino con un eurogol di rara bellezza messo a segno da Angelillo. La Murese sfrutta il pari del Lagonegro per balzare al terzo posto in classifica: decisivo il blitz di Rionero dove la squadra di Ragone supera la Vultur grazie ai gol di Dutra e Glorioso. In mezzo il momentaneo pareggio di Di Giovinazzo. Il Viggiano perde il derby della Val d’Agri contro il Villa d’Agri e scivola al quinto posto in classifica: la squadra di Arleo vince 0-2 grazie alla doppietta di Grieco e fa un passo avanti importante per la conquista della salvezza.
Torna alla vittoria l’Oppido di Manniello che supera in scioltezza il Moliterno 3-0: decisivi i gol di Stefanile, Anselmo Grieco e Marone.
Blitz esterno del Pietragalla di Potenza che espugna il “Michetti” di Pisticci: la squadra di casa, l’Aurora Marconia, dopo un avvio veemente culminato dal gol di Sisto, subisce una rimonta bruciante e perde l’ennesima possibilità di raddrizzare una classifica assolutamente deficitaria. La rimonta ospite è firmata da Anthoi e D’Amico.
Grandiosa prova del Real Tolve che vince a Pignola contro i padroni di casa per 0-4: trascinati da Arpaia, Armento e uno scatenato Selvaggi che realizza una doppietta, la formazione giallorossa torna a vincere in trasferta.
In Promozione il Latronico vince 1-5 sul Foggiano Melfi e si conferma padrone indiscusso del campionato. Insegue con affanno il Lavello che inguaia il Rotonda grazie all’1-0 del “Pisicchio”. Importante affermazione esterna del Tursi-Rotondella che espugna Salandra 2-3 e si consolida in zona play-off. 4-1 dello Sporting Matera sul malcapitato Ruoti. Questi gli altri risultati: Sporting Palazzo-Brienza 1-2; Bella- Sant’Angelo 4-1; Ferrandina-Miglionico 0-0; Satriano-Sporting Lauria 3-1.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here