Matera-Andria, una partita da dimenticare. Le pagelle di Tommaso Taccardi

0
83

Costa cara al Matera la sconfitta in terra federiciana più in termini di squalifica ed infortuni che di classifica, la vetta infatti, risulta distante di soli 3 punti e domenica, al XXI Settembre Franco Salerno, sarà ospite la Juve Stabia, una delle tre capoliste del Girone.

Le Pagelle di Tommaso Taccardi:
22) Alastra VOTO 6. Poco impegnato in maniera concreta, si distingue con un intervento in tuffo al 35′ deviano in angolo un tiro insidioso di Annoni.
28) Ingrosso VOTO 5,5. Non è stata una buona gara per lui, probabilmente risente ancora della botta presa contro l’Akragas che, probabilmente, si è riacutizzata nei minuti finali del match. In ritardo la sua chiusura sul gol di Aya.
5) De Franco VOTO 5,5. Spesse volte ieri era fuori tempo. Si fa sorprendere nell’occasione del gol andriese lasciando scoperto il centro della nostra retroguardia.
3) Mattera VOTO 6. L’unico della retroguardia che merita la sufficienza. Si Immola su un tiro pericoloso degli avanti pugliesi al 35′ rimandando di qualche minuto il vantaggio dei padroni di casa.
23) Di Lorenzo VOTO 5. Mai visto un Di Lorenzo così. Troppo brutto per essere vero, non spinge mai e copre con difficoltà, stringe i denti da qualche settimana ed è questa la vera causa del suo scarso rendimento. Sostituito ad inizio ripresa da De Rose (VOTO 5) che da il suo solito contributo ma, al 93′ colpisce al volto un avversario sbracciando platealmente facendosi espellere dall’arbitro. Contro la capolista campana non ci sarà.
21) Armellino VOTO 6. Dalle sue parti la partita è combattuta, non si sottrae alla lotta rispondendo colpo su colpo agli avversari di reparto, anche la sua condizione appare un po’ approssimativa nervoso dal fischio di inizio per via dell’energicità dei giocatori avversari si fa ammonire e poi sostituire da Carretta (SV) che non incide sul match.
8) Iannini VOTO 6,5. Il capitano appare più in palla dei compagni di squadra ma predica nel deserto. Detta il gioco come pochi, suo l’assist per Louzada al 21′ che, in scivolata, non riesce ad impattare la palla e sua la conclusione a volo nella ripresa che termina alta sopra la traversa.
27) Casoli VOTO 6. Stacanovista dei biancazzurri lucani, corre come di consueto dividendosi tra centrocampo, attacco e difesa, uno dei pochi a salvarsi.
19) Sartore VOTO SV. Pochi minuti per lui, il tempo di accusare un problema di natura muscolare, sostituito da Louzada al 13′ (VOTO 5) che risulta essere però molto fumoso e poco concreto.
29) Negro VOTO 5,5. Dei tre attaccanti, è forse quello che si muove di più tra le linee, coinvolto anche lui nella prestazione mediocre dell’intero team lucano si distingue solo per una palla calibrata per Iannini che conclude poi alto.
10) Strambelli VOTO 5. Era l’ex più atteso. Ha sofferto tanto la fisicità avversaria, costretto in tutto il primo tempo a giocare spalle alla porta ricava solo due ammonizioni per gli avversari che, per lui, tenevano un occhio di riguardo.
All. Auteri VOTO 5,5.
Si ha la sensazione che il mister di Floridia, nonostante le non perfette condizioni di gran parte dei suoi uomini, non rinunci agli stessi. La rosa è si striminzita e la fortuna neanche ci aiuta ma in alcune circostanze, si potrebbe dar fiducia a qualche elemento che rimane, sistematicamente, in panchina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here