Risorge la Bawer Matera. BBC Bernalda sconfitta a Taranto. Vittoria pesante per la Coserplast

0
55

Torna al successo la Bawer Matera e lo fa al PalaSassi davanti al suo pubblico. Una vittoria non facile contro la Nord Barese Corato, ma fondamentale al termine di una partita difficile e sempre in equilibrio, con il sestetto materano che prende il largo solo nell’ultimo quarto, imponendosi 90-84. Matera che, però, nonostante la vittoria scivola al terzo posto, superata da Omegna a causa dell’esclusione di Lucca dal campionato: i punti conquistati dalle squadre contro la formazione toscana sono stati rimossi e vi è stata una ridisegno della classifica di Lega Silver che ora osserverà un periodo di riposo per l’inizio della Coppa Italia. Tornando al match di sabato, coach Benedetto assiste ad un inizio un po’ passivo della sua squadra che finisce il primo quarto in svantaggio 23-26. La Nord Barese, formazione che lotta per non retrocedere, prova a costruire il colpaccio in terra materana e, trascinata da un Contento in grande giornata(saranno 20 i punti realizzati), chiude anche la seconda frazione sorprendentemente avanti 45-48. Negli spogliatoi Benedetto striglia i suoi perché vuole evitare la terza sconfitta consecutiva: la squadra, rientrata sul parquet di casa, risponde presente e inizia la rimonta targata Rezzano che porta i suoi a ribaltare il risultato sul 68-66 al termine del terzo quarto. Nell’ultima parte di gara la Bawer controlla senza patemi il risultato e porta a casa due punti fondamentali per la conquista del secondo posto nella griglia play-off.
La Cestistica Bernalda va al tappeto a Taranto contro il CUS 68-62: stop inatteso contro l’ultima della classe che ha imposto l’ennesima sconfitta esterna consecutiva ai ragazzi di Cotrufo che vedono allontanarsi a -4 la zona play-off. Il sestetto lucano incappa in una giornata negativa e torna nel buio della sconfitta dopo la vittoria di domenica scorsa contro Molfetta. Partenza sprint per i lucani che si portano avanti 12-17, ma la partita è equilibrata e il CUS di Leale, che intende abbandonare l’ultimo posto in classifica della DNB, risponde presente agli assalti bernaldesi rimanendo in partita fino al 34-35 con cui si chiude il secondo quarto. Il PalaMazzola si rivela stregato per la BBC che, al rientro dagli spogliatoi, si scopre fragile e impacciata e si fa sorprendere da un CUS in cui Moliterni e Sarli (41 punti in due) si rivelano le armi vincenti. Così il terzo parziale si chiude 54-50 per i tarantini con la BBC che non rientrerà più in partita, chiudendo sotto 68-62.
Sconfitta anche per il Consorzio Timberwolves Potenza che perde a Trani 79-60 contro la locale compagine. Punteggio pesante e sempre in favore dei pugliesi che hanno vita facile sul giovane gruppo potentino che, nonostante abbia conosciuto solo sconfitte, non rischia la retrocessione poiché la formazione di Benevento è stata esclusa dal torneo. La squadra di Verile parte fortissimo e va subito sul +12, forte di una giornata di grazia dei vari Cupito, Filloy e Bergamin. Nel Potenza si vede soltanto la buona prestazione di Lorusso che rientrava dall’infortunio e la buona vena realizzativa di Rato. Troppo poco per poter conquistare la prima vittoria stagionale: si rimane, così, fermi al palo.
Vittoria di prestigio per la Coserplast Openet Matera che si aggiudica il match valido per la conquista del quarto posto nella classifica di A2 contro Ortona: secco 3-0 per gli uomini di Mastrangelo che non sono mai stati realmente impensieriti dagli abruzzesi che hanno perso nettamente in tutti e tre i parziali. Mattatore dell’incontro il solito Khrolis, autore di ben 19 punti. L’avvio delle ostilità è di marca abruzzese, ma Matera è bravo a rimontare e ribaltare il risultato fino al 25-21 finale. Secondo quarto meno equilibrato, con la Coserplast che, sin da subito, prova a condurre il gioco e si impone 25-19. Il film del match è sempre lo stesso: Matera avanti e Seico Service Ortona costretta ad inseguire; cosa che accade anche nel terzo e decisivo set che vede la vittoria dei padroni di casa che superano 25-18 gli ospiti. Grande prova per il sestetto di Mastrangelo che sembra essere tornato ai livelli di inizio stagione e si candida ad un ruolo da protagonista nei play-off, anche se ora l’obiettivo è piazzarsi nel miglior modo possibile nella regular season.
Solito Avis Potenza che cede 3-0, stavolta al forte Corato: per la formazione di De Rosa ancora zero i punti conquistati e le potentine restano all’ultimo posto nella classifica di B1. Il sestetto lucano in terra pugliese è come se non fosse mai arrivato: svogliato e pigro, ha perso tutti i set con parziali netti e pesanti che denotano forti limiti caratteriali e tecnici. Una squadra giovane che si sta organizzando per il futuro e sta facendo crescere le nuove leve del volley potentino.
Importante affermazione esterna per la Ingest Montescaglioso che si avvicina sempre più alla salvezza: la squadra di Emidio Sapio sbanca Ugento al tie-break e vola a +6 sulla zona retrocessione. Ottima prova delle montesi che hanno recuperato all’iniziale sconfitta nel primo set (25-13 per le salentine) vincendo 23-25 il secondo. Tuttavia le leccesi non demordono e si riportano in vantaggio grazie al 25-18 del terzo parziale. Abbrescia e compagne non ci stanno e pareggiano il conto dei set (22-25) giocandosi la vittoria al tie-break, nel quale le ospiti sono brave a controllare il match e colpire al momento giusto. Vittoria per 13-15 che regala la vittoria alle montesi consapevoli di essere sempre più vicine alla permanenza matematica in B2.
Mette paura alla capolista la Cesare Ragazzi di Claps che poi deve arrendersi 1-3 alla PalaCaizzo: Cutrofiano, infatti, passa pur senza brillare, mentre le potentine si mangiano le mani per l’ottima prestazione che, però, non ha prodotto nemmeno un punto. Partenza agguerrita per le padroni di casa che lottano punto a punto contro la capolista, ma sono costrette alla resa sul 26-28. Nel secondo set il sestetto di Carratù ingrana la marcia e mette al tappeto le potentine con un netto 15-25. Scatto d’orgoglio del sestetto di Claps che si aggiudica il terzo parziale con un sofferto 25-20 che riapre il match. Nel quarto set Alexandrova e compagne cercano di rimanere attaccate al Cutrofiano che, nel finale, nonostante il coraggio potentino, ha la meglio con uno striminzito 23-25.
Importante affermazione per la Natura Lagonegro che espugna Ottaviano grazie all’1-3 in terra napoletana. Con questo successo il sestetto di Bosco mantiene il secondo posto in B2 e si candida ad un ruolo da protagonista nei play-off promozione. Dopo una buona partenza e la vittoria nel primo set 17-25, i lucani hanno una flessione che permette alla Libertas di Di Florio di rientrare in partita, grazie alla conquista del secondo parziale 25-23. Lagonegro dimostra tutta la sua superiorità e controlla il match senza soffrire troppo, imponendosi 17-25 prima e addirittura 11-25 nell’ultima frazione.
Sfiorano il colpaccio anche i ragazzi di Pamela Petrone dell’Amatori Potenza che cedono solo al tie-break alla capolista Exton Aversa: un match al cardiopalma che i ragazzi di casa non sono riusciti a raddrizzare appieno. Infatti, dopo l’iniziale vantaggio campano (22-25 nel primo set),l’Amatori torna in partita conquistando il secondo parziale 25-20. Gli ospiti, allenati da Ignazio Mappa, tornano in vantaggio, imponendosi nel terzo set 20-25, ma il carattere dei potentini è encomiabile: infatti il sestetto lotta con coraggio ed orgoglio e conquista il set 31-29. Lo sforzo compiuto per arrivare al tie-break è notevole e l’Amatori si arrende 12-15 nel momento decisivo. Con questo punto la formazione potentina rimane attaccata al treno salvezza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here