ARCHITETTI INNOVATIVI: BENNARDI SMENTISCE SE STESSO E GLISSA SULL’AFFIDAMENTO DIRETTO E SUL CONCORSO DI ARCHITETTURA

0
2137
Da sinistra: gli architetti Giovanni Martemucci e Sergio Venezia

In merito alla replica del Sindaco su piazza della Visitazione a Matera, il gruppo Architetti Innovativi prende atto che il primo cittadino, Domenico Bennardi, smentisce se stesso circa il coinvolgimento degli ordini professionali nella genesi del progetto. Infatti nel comunicato diffuso ieri, il Sindaco dichiara testualmente: “Il progetto deriva anche dalla consultazione aperta con cittadini e Ordini professionali con incontri che abbiamo programmato già con l’allora assessore, l’architetto Graziella Corti”. Dunque il Sindaco afferma di aver consultato gli Ordini professionali durante il mandato dell’assessore Corti, membro della giunta Bennardi. Circostanza che però viene smentita nel comunicato di oggi, quando il sindaco Bennardi afferma che la progettazione risale a 4 anni fa, cioè durante la giunta de Ruggieri. Dichiara infatti Bennardi: “La progettazione rispetto alla quale si parla oggi di un mancato confronto, è avvenuta o sarebbe dovuta avvenire ben quattro anni fa. Le posizioni critiche di oggi, quindi, sono in ritardo di almeno quattro anni”.

Dunque delle due l’una: o è vero quanto dichiarato ieri da Bennardi, oppure è vero quanto Bennardi dichiara nel comunicato di oggi. Pertanto se il progetto di piazza della Visitazione risale alla giunta De Ruggieri perchè riferire di una fantomatica “consultazione” degli ordini professionali che in realtà non è mai avvenuta durante la giunta Bennardi? Se invece il progetto, approvato ad aprile 2022, è frutto della giunta Bennardi, con l’allora assessore Corti, non si capisce perchè si faccia riferimento, nel comunicato di oggi, ad una progettazione avvenuta ben 4 anni fa.
“Questa confusione di date e di responsabilità progettuali – afferma il consigliere dell’Ordine degli Architetti di Matera, Giovanni Martemucci, insieme all’architetto innovativo Sergio Venezia-  da parte del Comune di Matera serve, forse, a distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dall’altro grande tema sollevato dal gruppo Architetti Innovativi, vale a dire il ricorso da parte dell’Ente pubblico all’affidamento diretto della progettazione. Infatti anziché ricorrere al concorso di architettura per la progettazione di uno spazio pubblico così importante per la città, pratica che dovrebbe essere scontata per un Comune, ancora una volta si è proceduto ad un affidamento diretto che, per definizione, esclude il confronto tra progettisti. Anche in questo caso, come già avvenuto per il progetto del Campo Sportivo (giunta Bennardi), si preferisce la pratica dell’affidamento diretto a quella del concorso di architettura o bando ad evidenza pubblica che, certamente, garantisce un confronto più ampio tra progettisti e la successiva valutazione da parte di una giuria esterna selezionata. Solo con il concorso pubblico si ha possibilità di assicurare alla città uno spazio che è frutto di una scelta tra più proposte, tra le quali la migliore viene realizzata. Se il progetto di piazza della Visitazione fosse stato oggetto di concorso di architettura, la sterile polemica sulla progettazione avvenuta sotto la giunta Bennardi o De Ruggieri non avrebbe avuto alcun senso perchè si sarebbe perseguita realmente la migliore scelta per la città. Ma così non è stato. E tanto basta come risposta alla città di Matera”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here