La Libertas fa suo il derby dello Jonio ed inguaia l’Avis Policoro

0
110

Il derby di Policoro si colora di rossonero: è la Libertas Eraclea, infatti, ad imporsi contro l’Avis Borussia Policoro e conquistare tre punti fondamentali in chiave salvezza. Nel primo storico derby di A2, giocato nella struttura del PalaErcole, le due squadre si affrontano a viso aperto, ma lo spettacolo dal punto di vista del gioco non è eccelso: tanti errori da entrambe le parti ed equilibrio che, nella ripresa, viene rotto dalle giocate di Bavaresco, autentica spina nel fianco per il Borussia. Le due squadre, profondamente rinnovate, schierano da subito i nuovi arrivati: mister Bommino lancia il nuovo portiere Sibilia e Scarnera, mentre in casa Borussia fa il suo esordio Rodrigo Da Silva, ex Luparense. Il primo pericolo lo costruisce Bavaresco che conclude dalla distanza, ma un difensore devia la sfera in corner. Il giocatore di Bommino si ripete al 2’: la sua conclusione si infrange sul montante e termine sul fondo. Passano 2’ e Da Silva pareggia il conto dei legni: il bel tiro dalla banda dell’italo-brasiliano si stampa sul legno e torna in campo. Risponde immediatamente la Libertas, sempre con lo scatenato Bavaresco, ma il tentativo del giocatore ospite viene stoppato da un formidabile intervento di Laviola che si rifugia in corner. Sugli sviluppi del calcio d’angolo Dipinto si divora il vantaggio mancando l’appuntamento con il pallone a due passi dalla linea di porta. Il giocatore scanzanese sciupa un’altra occasione d’oro in fotocopia della prima, stavolta deviando sul fondo un invitante pallone proveniente dalla banda, ancora tutto solo sul secondo palo. Anche il Borussia si fa notare dalle parti di Sibilia, ma il neo acquisto ospite compie un bell’intervento e dice no a Rocha. All’8’ il Borussia passa in vantaggio: tutto nasce da una conclusione di Goldoni che viene respinta da Sibilia che, nel tentativo di bloccare la sfera, la controlla fuori area di rigore con le mani. Per l’arbitro è punizione dal limite: si incarica della battuta Scharnovski che scaraventa in porta un bolide che non lascia scampo all’estremo difensore ospite. Entusiasmo sugli spalti e Borussia in vantaggio. La Libertas potrebbe immediatamente pareggiare, ma ancora Dipinto sbaglia clamorosamente da posizione ravvicinata. Il giocatore si ripete al 10’: dopo aver saltato un avversario, il numero 11 calcia in porta, ma trova l’attenta risposta di Laviola che difende il vantaggio. Dipinto fa spazientire i tifosi all’11’: imbeccato da Bavaresco, il giocatore si presenta a tu per tu con Laviola, ma non riesce a superarlo a l’azione sfuma. La partita è vibrante e al minuto 14’ Da Silva si divora una occasione colossale, sbagliando un facilissimo tap-in sottoporta, con il pallone che si perde sul fondo mentre i tifosi locali si disperano per l’occasione fallita. Il portiere ospite fa gli straordinari due minuti dopo: Sharnovski supera di slancio Dipinto e si presenta tutto solo davanti all’estremo difensore della Libertas che è bravo a chiudere lo specchio e respingere la minaccia. Nel momento migliore dei padroni di casa la Libertas trova il pari: è Dipinto a depositare in rete per il più comodo dei tap-in la corta respinta del portiere di casa in seguito ad una conclusione dalla distanza di Bavaresco. L’autore del gol festeggia con i suoi tifosi la parità e si fa perdonare per i precedenti errori. Sulle ali dell’entusiasmo la Libertas Eraclea potrebbe subito effettuare il sorpasso: una manovra avvolgente degli ospiti porta Rispoli a presentarsi tutto solo davanti al portiere, il capitano scanzanese lo supera con un pallonetto, ma Goldoni intercetta sulla linea ma, spazzando via la sfera, coglie il legno della sua porta, provocando qualche brivido ai tifosi biancorossi in tribuna. Scampato il pericolo, il Borussia chiude la frazione in attacco, ma Sibilia compie un doppio intervento sbarrando la strada prima a Goldoni, poi a Pereira Pizzo. Il primo tempo si chiude in parità, con le due squadre che non hanno disputato una partita eccelsa dal punto di vista del gioco. L’avvio di secondo tempo è veemente: la prima occasione capita sui piedi di Goldoni, ma Sibilia respige; poi è Bassani a sfiorare la marcatura, ma Laviola chiude in uscita. Al 7’ Sharnovski si divora il gol del possibile vantaggio: imbeccato sul secondo palo dalla diagonale di Rocha, il numero 9 in scivolata manda il pallone alto da posizione invitante. Poco dopo è Sibilia a chiudere sulla velenosa conclusione al volo dello stesso Sharnovski. Gli ospiti si riorganizzano e colgono il palo con Bassani, mentre è sull’azione successiva che gli uomini di Bommino trovano il vantaggio: è Bavaresco l’autore del sorpasso, con il pallone depositato in rete a porta sguarnita al termine di una travolgente transizione. Mister Suriano, a nove minuti dalla sirena, chiama il time-out per inserire Rocha come portiere in movimento: nonostante i cinque uomini in avanti, il Policoro fatica a creare azioni pericolose e, al minuto 13, Zancanaro punisce la scelta del coach avversario colpendo da notevole distanza con la porta avversaria sguarnita. Il Borussia tenta di riaprire il risultato, ma la conclusione di Da Silva viene respinta dall’ottimo Sibilia. Al 17’ i padroni di casa perdono un altro pallone in fase offensiva, ne approfitta Bavaresco che insacca dalla propria metà campo il poker che chiude virtualmente la contesa. Nei restanti minuti c’è tempo solo per il gol della bandiera siglato dal neoacquisto Da Silva, che rende meno amara la sconfitta nel derby dello Jonio. La Libertas festeggia con i suoi tifosi tre punti importantissimi in chiave salvezza, mentre l’Avis si lecca le ferite, ma prova a guardare avanti, consapevole di avere un organico di alta qualità che non sta trovando sul parquet i giusti risultati.

TABELLINO
AVIS POLICORO: Laviola, Bertoni, Grandinetti, Lillo, Cospito, Scharnovski, Da Silva, Pizzo, Scarcia, Cirenza, Goldoni, Nucera. All. Suriano
LIBERTAS ERACLEA: Sibilia, Rispoli, Zancanaro, Bavaresco, Dipinto, Gerardi, Scarnera, Amendolara, Persiani, Bassani, Bello. All. Bommino
ARBITRI: Ziri di Barletta – Gaetani di San Benedetto del Tronto CRONO: Caprioli di Venezia
MARCATORI: 7′:49” p.t. Scharnovski (P); 17′:52” p.t. Dipinto (E), 8′:10” Bavaresco (E); 13′:24” s.t. Zancanaro (E), 16′:32” Bavaresco (E); 19′:18” s.t. Da Silva (P)
AMMONITI: Cirenza (P), Scharnovski (P)
SPETTATORI: 700

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here