Matera – Taranto 2-0, il primo posto sotto l’albero. Le pagelle di Tommaso Taccardi

0
219

 

Un sontuoso Matera, ha la meglio sugli ionici tarantini e conquista la vetta solitaria regalando al popolo biancazzurro un sereno Natale.
Le pagelle di Tommaso Taccardi:
22) Alastra VOTO S.V. Praticamente inoperoso,unica parata semplice al 52′ su tiro di Losicco.
28) Ingrosso VOTO 7. Solita concretezza in difesa e solita intensità. Nella prima frazione di gioco, ha praticamente giocato nella metà campo avversaria.
5) De Franco VOTO 7. Gara perfetta per il nostro centrale di difesa, Magnaghi, a fine gara, risulta nullo. Dall’82’ Gigli (S.V.)
3) Mattera VOTO 7,5. Mastino napoletano. Dribbla gli avversari invece di essere dribblato, si traveste anche da uomo assist offrendo, dopo una discesa travolgente sulla sinistra, una palla d’oro a Carretta che in velocità non sfrutta l’occasione. Solito ANIMALE.
27) Casoli VOTO 8. Il migliore in campo. Autore della doppietta che decide la partita, avrebbe potuto portare a casa il pallone del match se nn si fosse divorato almeno altre due occasioni. PERFETTO.
21) Armellino VOTO 6,5. Affidabile come solito, tenta la conclusione da fuori spesse volte, fraseggia a centrocampo con i compagni di reparto verticalizzando improvvisamente. Mezzo voto in meno per quella ammonizione che non gli permetterà di scendere in campo a Pagani nella partita che si disputerà prima della sosta.
8) Iannini VOTO 6,5. Solito faro di centrocampo, sventaglia palloni a destra e sinistra non disdegnando gli inserimenti centrali. In alcune circostanze, nel secondo tempo, è apparso stanco.
13) Meola VOTO 6,5. Forse i tarantini avevano battezzato la sua fascia come punto debole. Meola sovverte le loro previsioni costringendo gli avversari sulla difensiva, pronto a proporsi e ad accompagnare le azioni d’attacco dei compagni di squadra. dal 79′ De Rose ( S.V.)
10) Strambelli Voto 6,5. La sua qualità al servizio della squadra. Dispensa tocchi di classe alternandoli ad errori di misura che, spesse volte, fanno imbufalire Auteri in panchina. Può dare sicuramente di più.
20) Carretta VOTO 7. Solita intraprendenza e solita velocità, per troppa foga non realizza gol ma risulta tra i più ficcanti del roaster materano.
29) Negro VOTO 7,5. Ormai le sue prestazioni sono sempre di un certo livello. E’ ritornato il Negro che noi tutti conoscevamo a Salerno, un giocatore che, nella categoria, fa la differenza. Dal74′ Piccinni (VOTO 6,5). Impiegato nell’insolito ruolo di quarto di sinistra a centrocampo, non demerita affatto offrendo palle deliziose a centro area che, Carretta, non riesce a tramutare in gol.
All. Auteri VOTO 7.
Questo Matera, in ogni partita, offre solo ed esclusivamente un unico tema, Attaccare. Il primo tempo a fatto attaccare la sua squadra a pieno organico, si attaccava in nove addirittura, il Taranto può ritenersi anche fortunato se il gol biancazzurro è arrivato al 45′ minuto. Voleva una rivincita per la mancata vittoria dell’andata e l’ha ottenuta regalando, agli sportivi materani, il primo posto in solitario nella prima giornata di ritorno.
Ottimo regalo per questo Natale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here