Matera: via Casalnuovo invasa dai topi

0
280

Via Casalnuovo è invasa dai topi. La denuncia arriva dagli abitanti dell’antico rione “dei Mulini a vento” riuniti nel Comitato dei residenti. L’indiziato principale di questa invasione che fa solo da corredo all’ormai cronico degrado della zona è il parcheggio coperto, sito a metà di via Casalnuovo. È chiuso dal 2008 ed è in stato di totale abbandono; per questo motivo è diventato la tana ideale per topi e rettili. Soprattutto i topi si sono riprodotti a ritmo frenetico ed hanno invaso il quartiere creando situazioni di pericolo igienico agli abitanti. Costruito circa una quindicina di anni fa e dato in gestione per qualche anno ad una cooperativa sociale di tipo B, “giace” nel più totale abbandono ormai da diverso tempo.  Siamo in pieno periodo turistico e l’amministrazione ha già preso provvedimenti (l’interdizione alla circolazione ed alla sosta nel piazzale antistante la Cattedrale, il divieto di transito lungo il caveoso ed il barisano) proprio per la lamentata presenza (circolazione e sosta) soprattutto in giorni ad alta densità turistica di veicoli d’ogni sorta. Si tratta di misure “tampone” che hanno peggiorato la situazione in via Casalnuovo invasa dai veicoli che parcheggiano sui marciapiedi.
Sul caso è intervenuto anche il consigliere comunale Michele Paterino: “già in passato  è stata più volte segnalata all’amministrazione comunale  la necessità di interventi urgenti per ripristinare   la funzionalità del parcheggio di Via Casalnuovo nonché interventi  per assicurare condizioni adeguate  di  sicurezza e di vivibilità dell’intero ambito (pubblica illuminazione, manutenzione straordinaria della rete fognaria, dei marciapiedi, eliminazione delle infiltrazioni di acqua,  apposizione di bande rumorose finalizzate al rallentamento della circolazione stradale”. In questi ultimi mesi  si è proceduto  ad effettuare interventi  solo  sulla pubblica illuminazione, anche se  in modo parziale,  senza procedere al  ripristino del parcheggio (che ospitava circa 50 auto) la cui chiusura  ha complicato  non poco la possibilità di trovare un parcheggio anche per  i turisti  sempre più numerosi che visitano i gli antichi rioni e  facendo  venir meno   anche alcuni posti di lavoro. “È necessario – continua Paterino- procedere anche alla regolamentazione della circolazione e della sosta selvaggia che quotidianamente interessa  tutta Via Casalnuovo sino all’innesto con Via Buozzi, inspiegabilmente  esclusa dagli ultimi provvedimenti di limitazione del traffico negli antichi Rioni;  accertato che permane l’urgenza di completamento degli  interventi di riqualificazione dell’intero ambito ed in particolare anche  alla scalinata di accesso da via Lucana che è in condizioni veramente pietose,  con  seri  pericoli per la pubblica  e privata incolumità. Sappiamo che c’è la disponibilità di risorse finanziarie sul bilancio di previsione 2013 destinate ad  interventi  di manutenzione ordinaria e straordinaria nei Rioni Sassi”.
topo catturato via casalnuovo matera basilicata magazineE allora ammesso e non concesso  che l’azione amministrativa debba conformarsi esclusivamente a criteri di economicità (che è solo uno, e neanche il più importante, dei diversi corollari del principio costituzione del buon andamento e dell’imparzialità della Pubblica Amministrazione) e se proprio manca una “visione d’insieme”, siamo sicuri che le misure adottate siano economicamente più vantaggiose di una “riapertura” del parcheggio comunale di via Casalnuovo (per il quale pure si è spesa una cifra considerevole)? E allora perchè non viene riaperto evitando situazioni di pericolo per l’igiene pubblica come quella che si verifica in questi giorni? Intanto i cittadini di via Casalnuovo aspettano ora che si passi ai fatti e chiedono l’intervento urgente dell’Asm per eseguire una urgente derattizzazione di tutta la zona. In più chiedono al Comune l’inserimento della strada in un serio programma di riqualificazione urbana che preveda una dotazione economica adeguata, sicuramente ben più sostanziosa dei 130mila euro che sono serviti a stento ad illuminare mezza via Casalnuovo. E mentre i residenti non sanno dove parcheggiare, nel weekend si creano ingorghi per via delle auto di coloro che frequentano i locali nei Sassi e che usano via Casalnuovo come zona di sosta. La scala di collegamento con via Lucana è ancora sporca, maleodorante e pericolosa a causa delle copiose perdite di liquami fognari. La bitumazione del manto stradale che il Sindaco aveva assicurato di voler inserire subito nel programma di rifacimento delle strade in via di esecuzione da parte dell’Assessorato ai Lavori pubblici, rimane una chimera per cittadini e operatori turistici della strada. La riqualificazione dei marciapiedi era stata garantita come intervento urgente ed inserita dal Comune in una suddivisione degli interventi in base alle priorità. Ma di questi interventi nei recenti lavori non c’è traccia. Occorre un progetto serio per risolvere i tanti problemi di questa antica via da sempre considerata la Cenerentola della città.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here