Vince solo la pioggia. Tante le partite rinviate a causa dell’imperversare del ciclone Nettuno

0
325

La domenica più brutta dell’anno: e non perché lo sport è rimasto ai margini della domenica e molta gente non ha potuto tifare per la propria squadra, ma perché tantissimi lucani oggi hanno perso case, terreni, raccolti, perché, ancora una volta, una regione, già povera di suo, è stata letteralmente travolta dalla pioggia che sembra avercela con noi lucani. E di fronte alla forza della natura possiamo fare ben poco. Nonostante la tragedia ci abbia nuovamente colpito, ad quasi due mesi di distanza dalla precedente alluvione del 6 ottobre, proviamo a rientrare nella normalità parlando di sport, interessandoci alle partite giocate in questo fine settimana. Anche solo per sconfiggere il dolore che ha reso la nostra domenica nera e triste.
Tutti i campionati regionali di calcio e la Prima Divisione di pallavolo sono stati fermati per tempo, avendo capito la serietà e la portata di questo ciclone che ha devastato territori e animi della gente. Delle squadre lucane impegnate al di fuori dei confini regionali, rinviate Melfi-Casertana, Matera-Real Marcianise e Francavilla-Taranto. L’unica squadra lucana impegnata sul campo è stato il Real Metapontino che ha colto un punto importante sul campo del Gelbison: 0-0 a Vallo di Lucania, con la formazione di Catalano attenta a non farsi sorprendere dagli avversari e capace di tornare in Basilicata con un meritato punto in bisaccia. La Celeste affronta a viso aperto i campani, ma lo 0-0 è sicuramente il risultato più giusto, nonostante al 40 minuto il fantasista Di Senso abbia colpito la traversa grazie ad una splendida punizione. Con questo punto il Real Metapontino si conferma in piena zona play-out e in campo ha dimostrato con grinta e determinazione di voler conservare la categoria.
In Lega Due Silver sofferto successo per la Bawer Matera che supera Recanati 89-85 in un match sempre in salita per i materani grazie all’ottima interpretazione della gara avuta dai leopardiani. Sul parquet del PalaSassi si affrontano due coppie di americani: a quella di casa composta da Austin e Jones si oppone quella recanatese composta da Mosley e Starring. Proprio quest’ultima coppia ha la meglio con 52 punti messi a canestro contro i soli 38 punti del duo di casa. E sono proprio i due americani a spingere sull’acceleratore e tenere Recanati sempre avanti per tutta la partita, con i primi due quarti assolutamente impeccabili che si chiudono con gli ospiti avanti 43-39. Qualche mugugno dai tifosi materani: la squadra era stata costruita per lottare per i primissimi posti, ma il campo dice tutt’altro e la Bawer soffre terribilmente contro qualsiasi avversario; serve,quindi, la scossa per vincere questa partita ed iniziare a fare sul serio. Ma il terzo quarto è la perfetta continuazione dei primi due: squadra spenta e molle e addirittura svantaggio di 14 punti per Jones e compagni mentre dagli spalti piovono critiche e contestazioni dei tifosi. Coach Benedetto prova a riorganizzare il quintetto materano che, nell’ultimo e decisivo quarto si rianima e prova a costruire l’ennesima rimonta, dopo quella col Reggio Calabria. Dopo aver recuperato il terzo set fino a 63-68, nell’ultimo sale in cattedra Austin che si carica la Bawer sulle spalle e cerca di costruire una vittoria fondamentale per i play-off. E, raggiunto il mai remissivo Recanati sul 79-79, i materani mettono la freccia e realizzano il decisivo sorpasso che consegna la vittoria al PalaSassi, grazie alla tripla di Rezzano. Bisogna ripartire dall’ultimo quarto per costruire le gioie di una stagione altrimenti davvero deludente.
Sconfitta esterna per la Cestistica Bernalda: la formazione di mister Cotrufo è stata superata fuori casa da Maddaloni 69-60 e perde così il terzo posto in classifica. Russo e compagni incappano nella seconda sconfitta consecutiva lontano dal PalaCampagna contro una diretta concorrente per la salvezza, ma mantengono un posto importante nella graduatoria play-off. Squadre costrette a giocare a Caserta vista l’indisponibilità per problemi strutturali del palazzetto di Maddaloni. Partono fortissimo i lucani che sfruttano le indecisione della squadra di Coach Massaro e chiudono il primo quarto avanti 15-13. Ma dalla seconda frazione la strada si tinge dei colori di casa, perché Maddaloni passa a condurre e non lascerà mai il vantaggio, fino al 66-60 finale. Poca cosa la reazione bernaldese che non sembra avere le idee giuste per trovare un’altra vittoria esterna, mentre Maddaloni ha bisogno come il pane di questi due punti per allontanarsi ancor di più dalla zona rossa. Per BBC Group Bernalda sconfitta che non pregiudica un cammino esaltante con una classifica che può migliorare ulteriormente. Miglior realizzatore al PalaVignola di Caserta è stato Desiato della formazione di casa,autentica spina nel fianco per gli ospiti.
Altra netta sconfitta per il Consorzio Timberwolves Potenza in Serie C: stavolta è la Juve Trani a superare i potentini in un match praticamente a senso unico con il punteggio di 76-62. Per la giovane compagine di coach Bochicchio non bastano le belle giocate di Danilo Lorusso per evitare l’ennesima sconfitta e lo Stabia, penultimo, si allontana con ora addirittura sei punti di vantaggio: la salvezza per il Potenza è diventata una chimera.
Sabato pomeriggio meno facile del previsto per la Coserplast Openet Matera che supera 3-0 il Brolo ultimo in classifica con 0 punti conquistati, conferma il suo secondo posto dietro la capolista Padova, ma soffre terribilmente con un avversario aggressivo e mai domo. Soprattutto nel primo set i ragazzi di Mastrangelo affrontano avversari che non sembrano gli ultimi della classe e capaci di mettere in netta apprensione la vice-capolista con un gioco attento e una difesa precisa; ne esce fuori un set avvincente che si dilunga fino al 31-29 per i materani che fanno esplodere di gioia il PalaSassi. Decisivi i muri dei padroni di casa (8 contro i soli 2 del Brolo). Scampato il pericolo di una sconfitta al primo set la Coserplast diventa padrona del campo, gli ospiti si disuniscono, perdono concentrazione e cattiveria e nel secondo parziale, vengono travolti dalla maggiore qualità dei materani che si impongono 25-16. Senza storia anche il terzo set, vinto da Krolis (autentico mattatore della sfida) e compagni 25-17. Partita non eccellente per i materani che forse hanno un po’ troppo sottovalutato i siciliani ultimi in classifica, ma i tre punti erano fondamentali e la formazione della città dei Sassi li ha conquistati continuando a coltivare il sogno play-off.
In B1 Donne settima sconfitta consecutiva per l’Avis Potenza, superata anche da Marsala: sul parquet siciliano le padroni di casa superano in scioltezza le potentine per 3-0 e vincono la loro settima partita in sette impegni, conquistando il primo posto. Troppo netto il divario tra le due formazioni con coach Campisi bravo a non sottovalutare le lucane e tenere alta la concentrazione per tutti e tre i set, così da superare lo scoglio PM GSI Potenza in nemmeno un’ora. Per Giovino e compagne la partita si mette subito male: sempre a rincorrere nel primo set, chiuso 25-15 e ancora peggio nel secondo, perso 25-11, nel terzo le potentine provano a tirare fuori l’orgoglio, ma di fronte alla Sigel Marsala ci vuole ben altro e le siciliane, trascinate da Federica Nasari, vincono 25-16 e conquistano il primato assoluto. Salvezza sempre più complessa per le potentine che dovranno dare una svolta alle loro sette sconfitte consecutive se vogliono lasciare l’ultimo posto in classifica.
In B1 Uomini la Virtus Potenza cede in casa 2-3 al Trapani e complica la già difficile situazione, conquistando solo un punto sull’ultima in classifica Martina, prossima avversaria. Sottovalutata la formazione siciliana, capace di portarsi due set avanti prima di subire la rimonta dei potentini. Ma la vera notizia è il probabile addio di coach Nacci che dovrebbe approdare al Brolo in A2. La partenza è soporifera per la Virtus, totalmente sorpresa dalla precisione e dal buon gioco trapanese, grazie al quale gli ospiti si impongono 25-22. Anche il secondo set è amaro per Patinucci e compagni, superati 26-24. Nel terzo set i potentini risorgono e riaprono la partita con un bel 25-19. Quarto set di emozioni al PalaPergola, con i potentini impegnati a rincorrere un risultato che stava scappando via: 25-20 il punteggio finale. Ma al tie-break la Virtus si scompone, perde concentrazione e partita: decisivo l’attacco finale di Marino che fissa il quinto set 15-10. Un solo punto e tanta delusione al PalaPergola per quello che doveva essere una partita decisiva per raggiungere zone di classifiche più tranquille, ma che si è rivelata una autentica mazzata per le ambizioni del team.
In B2 Donne altro 3-0 per la Ingest Montescaglioso, superata da Mercato San Severino: le due formazioni,prima della partita, erano ultime a 0 punti; dopo questa sconfitta la Ingest rimane cenerentola del campionato e non sembra avere la caratura per tirarsi fuori da questa situazione difficile. Troppo forte persino la squadra sanseverinese, fino a ieri all’asciutto di vittorie: non è bastata la scossa in settimana, con l’addio di coach Moliterni e l’acquisto di quattro nuove atlete dalla Leonessa Altamura per limitare i danni. Montesi mai in partita e padrone di casa desiderose di regalare ai tifosi il primo successo stagionale: la voglia si concretizza in un bel 25-19 nel primo parziale. Nel secondo set la musica non cambia, le montesi non mordono e vengono divorate dalla formazione campana 25-18. Nel terzo set Mercato San Severino chiude la pratica, trascinata da Ferrara e Longobardi, imponendosi 25-16. Per Montescaglioso, nel prossimo turno, altra sfida decisiva con il Nola penultimo: chissà se le montesi non faranno risuscitare anche loro.
Nello stesso girone Cesare Ragazzi che si impone in casa 3-2 sul Turi e risistema la classifica, allontanandosi a un confortante +5 dalla zona retrocessione: partita difficile per le ragazze potentine che faticano contro la formazione pugliese prima di avere la meglio al tie-break.
In B2 uomini riposa la vicecapolista Lagonegro, mentre l’Amatori Potenza vince soffrendo contro il Castellana ultimo in classifica 3-2. Gli ospiti si presentano alla Caizzo con 0 punti in classifica, ma giocano alla pari con i potentini che gettano alle ortiche l’occasione di conquistare tre punti sottovalutando l’avversario, riuscendo,tuttavia, lo stesso a vincere, anche se al tie-break. Partono forte i potentini trascinati da Mastrapasqua che riescono a vincere il primo set 25-21. Nel secondo, però, pugliesi più intraprendenti e capaci di sorprendere la formazione del capoluogo 25-20. Terzo set vibrante che si prolunga fino al 29-27 per l’Aamatori. Lo sforzo notevole dei ragazzi di coach Petrone si fa sentire nel quarto set, nel quale, invece di chiudere la partita, si fanno superare dalla formazione pugliese 25-19. Il quinto set è infuocato, i tifosi sospingono i loro beniamini alla vittoria finale che arriva con un pirotecnico 15-12. Con questi due punti i potentini agganciano la zona salvezza, ma l’obiettivo rimane difficile da conquistare.
In A1 ennesima sconfitta per la Pattinomania Matera, superata 7-1 dal Valdagno dei materani Tataranno e Festa: partita senza storia, ma tutto resta invariato in coda, con Matera che mantiene i suoi quattro punti di vantaggio sulla zona retrocessione. Altra delusione per l’hockey materano che è entrato nel tunnel delle sconfitte e sembra non vedere più la luce.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here