Partono in sordina i saldi dell’estate 2014 in Basilicata

0
209

Nei primi giorni di svendite di fine stagione il bilancio in Basilicata non è entusiasmante: poca gente a caccia di affari, pochi acquisti, e soprattutto pochi incassi. A far salire la febbre per “l’occasione” non sono bastati neanche i maxi sconti esposti a caratteri cubitali sulle vetrine: fino al 70%. Nemmeno i bonus e le fidelity card attivate per i clienti abituali riescono ad invogliare i clienti a spendere.
“Quest’anno abbiamo applicato sconti più alti ma non c’è movimento, i clienti non entrano e chi entra non compra. In mattinata abbiamo registrato un calo di afflussi del 40% rispetto allo scorso anno”, è la dura risposta del titolare di un negozio del centro storico di Matera.
Un noto commerciante della città dei Sassi conferma: “Noto che le persone entrano, affollando i negozi, girano e girano ma escono a mani vuote. E’ un segnale non positivo per la città materana. Stimolante, invece, è la presenza sempre più consistente di turisti che, pur non rappresentando una fetta sostanziosa di clienti, continuano a fare acquisti”.
Un più generale movimento lo si nota uscendo dai centri città per recarsi nei centri commerciali, ma con l’asticella degli acquisti che stenta a decollare.
“Ci si aspetta meno consumi rispetto all’anno scorso per colpa della crisi inarrestabile e delle tasse da pagare sempre più alte”, ci riferisce il gestore di un negozio di calzature di Policoro che ribadisce, “la gente ha tanta voglia di spendere soldi per fare acquisti, ma tanta consapevolezza del limite massimo di spesa che ognuno ha”.
I dati di Confesercenti sembrano essere in controtendenza rispetto ai pareri dei commercianti. Lo studio afferma che: “Quasi 7 italiani su 10 faranno acquisti in occasione dei saldi estivi, da oggi in tutt’Italia. Saranno il 65% – circa 28,6 milioni – gli italiani che approfitteranno dei saldi estivi, con una spesa complessiva prevista intorno ai 4 miliardi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here