Matera – Fidelis Andria 0-0. Le pagelle di Tommaso Taccardi

0
145

Un Matera imbrigliato dall’Andria di Favarin, non va oltre il pareggio a reti bianche. Partita avara di occasioni da reti da entrambe le parti, l’unica occasione degna di nota la fa registrare Carretta con un colpo di testa al 65′ che impegna, in uno spettacolare intervento in tuffo sulla sua sinistra, il portiere Cilli che salva in calcio d’angolo.
Le pagelle di Tommaso Taccardi:
22) Tozzo VOTO 6. Quasi mai impegnato, unico intervento da registrare al 2′ quando devia in angolo un calcio di punizione di Rada, il resto, normale amministrazione anche perché l’Andria, in avanti, è stato poco incisivo.
28) Ingrosso VOTO 6. Partita attenta e senza grosse sbavature grazie anche agli avanti federiciani che non si rendono mai pericolosi.
5) De Franco VOTO 6,5. Dirige la difesa con la consueta pulizia e precisione. Tiene a bada Cianci che gravita dalle sue parti, disinnescandolo sistematicamente.
3) Mattera VOTO 6. Partita normale per lui che ci ha abituati ad essere sempre il migliore del reparto arretrato.
23) Di Lorenzo VOTO 6. I pugliesi chiudono bene le fasce laterali limitando gli inserimenti dell’esterno biancazzurro che, spesse volte, è costretto sulla difensiva.
21) Armellino VOTO 5,5. Dopo un lungo STOP era alla terza partita in una settimana. Ancora lontano dal giocatore che conosciamo, va comunque alla conclusione da fuori in un paio di circostanze sbagliando la mira. Sostituito al 64′ da INFANTINO (6) che, all’87’, su suggerimento di Sartore, in girata conclude a rete facendosi neutralizzare il tiro in girata dall’estremo pugliese.
4) De Rose VOTO 6,5. E’ il più attivo nel cerchio di centrocampo, il compito non è tra i più semplici per lui ma si impegna come solito non riuscendo però a trovare sbocchi per gli avanti locali. Tenta anche la conclusione a rete, è sicuramente il più positivo, con De Franco, degli undici biancazzurri scesi in campo.
27) Casoli VOTO 6. Si impegna come solito ma in alcune circostanze sembra essere troppo frenetico e confusionario.
10) Strambelli VOTO 5,5. In campo per 90 minuti contro la sua ex squadra. Sbaglia parecchio in appoggio e soffre la pressione avversaria. Quando esce Armellino occupa la sua posizione in campo con scarsi risultati prima che venga dirottato nuovamente nella sua posizione più congeniale.
29) Negro VOTO 5,5. Ci aveva abituato bene con le sue giocate e con i suoi gol e, ad ogni sua flessione, la squadra ne risente. Nel primo tempo, in azione di contropiede, entrato in area, sbaglia l’ultimo controllo e fa svanire un’occasione davvero importante. Sostituito al 79′ da SARTORE (SV) che gioca pochi minuti per essere giudicato.
20) Carretta VOTO 6. Mezzo voto in più per quel colpo di testa al 65′ che avrebbe potuto sbloccare la partita, per il resto, tanta corsa ma poche idee. Dal 74′ SALANDRIA (SV) che entra in un momento dove la partita ha poco altro da dire.
All. AUTERI VOTO 6,5.
Il campionato sarà la palestra per portare tutti i suoi effettivi in condizioni atletiche ottimali in prospettiva play-off. A fine partita ha parole non proprio dolci per la direzione di gara che, a suo parere, non è stata all’altezza delle aspettative. Cerca, ridisegnando la squadra con Strambelli in mezzo al campo, di far trovare i varchi giusti ai suoi uomini. Mezzo voto in più perché, a fine gara, con la curva che contestava Iannini, esce dagli spogliatoi per discutere con i tifosi mettendoci la faccia difendendolo a spada tratta.
Ma perché la faccia la deve mettere solo ed esclusivamente lui?…..Perché?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here