ARCHITETTI MATERANI AL VOTO: IL GRUPPO “ARCHITETTI INNOVATIVI” LANCIA LA SFIDA PER IL CAMBIAMENTO

0
1966
Il gruppo Architetti Innovativi
Il prossimo 10 e 11 maggio si vota per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Matera, per il quadriennio 2021-2025. Al voto, esclusivamente online, sono chiamati 450 architetti di Matera e Provincia che eleggeranno il consiglio formato da 9 membri i quali, successivamente, designeranno tra gli eletti la figura del Presidente e delle altre cariche istituzuinali. Il gruppo “Architetti Innovativi Matera” parteciperà alle elezioni con 11 candidati che hanno sposato il progetto di rinnovamento volto a rilanciare il ruolo dell’architetto e a rafforzare la sua funzione strategica nei processi di programmazione e governo del territorio.
Gli architetti Salvatore Alfieri, Eustachio Andrulli, Alessandra Bavila, Argenzia Cristina Gallotta, Salvatore Iacobellis, Immacolata Maragno, Giovanni Martemucci, Adriana Raguso, Piero Venezia, Sergio Venezia e Paolo Meligeni (architetto Junior) si candidano a guidare il cambiamento attraverso un nuovo modello organizzativo più efficiente, autorevole e inclusivo. Un team equilibrato ed eterogeneo, con tanti giovani, grande presenza femminile ed una componente di professionisti d’esperienza che – oltre a garantire le funzioni istituzionali dell’Ordine quali la tenuta dell’albo, la vigilanza sulla correttezza dell’esercizio professionale, o i pareri alla Pubblica Amministrazione- allargherà il proprio raggio d’azione per accrescere il valore della categoria.
Il gruppo “Architetti Innovativi Matera” intende promuovere gli interessi dei professionisti locali presso gli enti, le università e gli stakeholder al fine di incidere efficacemente sull’opinione pubblica e nel dibattito politico, per restituire all’architetto il riconoscimento del suo fondamentale ruolo sociale nei processi di progettazione e sviluppo urbano.
Nel programma proposto dagli “Architetti Innovativi” trova spazio una convenzione con i Comuni per l’istituzione di una corsia preferenziale nell’accesso degli architetti agli uffici tecnici; una riduzione della quota di iscrizione ottenuta spostando la sede dell’Ordine in un immobile assegnato a canone zero da Comune, Provincia o Regione; una comunicazione efficace con i canali digitali dell’Ordine per informare gli iscritti e promuovere il professionista locale all’esterno; la creazione della Casa dell’Architettura (in partnership con il Comune di Matera) ovvero uno spazio senza barriere architettoniche inteso come hub di ricerca, studio e innovazione, accessibile anche ai cittadini e idoneo ad ospitare dibattiti, formazione ed eventi culturali; il fare rete tra gli iscritti, favorendo le relazioni e il confronto tra gli architetti in modo da incentivare il trasferimento di esperienze e know how professionale; il rinnovamento dei vertici dell’Ordine attraverso l’espressione di un presidente “smart” in grado di rappresentare il trait d’union fra vecchia e nuova generazione di architetti, bilanciandone le istanze.
Se in prima convocazione non sarà raggiunto il quorum di 225 votanti su 450 aventi diritto, è prevista una seconda votazione nei giorni 12, 13, 14 e 15 maggio che sarà valida con un quarto degli aventi diritto (113 votanti).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here