Cappe ad angolo: come scegliere la misura giusta

0
2958

Vi siete appena innamorati del fascino di una cucina angolare e ora siete in cerca della cappa perfetta per il vostro angolo cottura? Scegliere la dimensione giusta è fondamentale sia per l’estetica che per la funzionalità, e non è sempre semplice.

 

In questa guida approfondiremo i fattori chiave da considerare, vi daremo preziose dritte su come misurare correttamente lo spazio disponibile e vi illustreremo a quali caratteristiche tecniche non dovreste rinunciare prima di procedere all’acquisto.

 

Preparate carta e penna, e iniziamo subito il viaggio alla scelta della cappa ad angolo perfetta per rendere salubre la vostra cucina.

La forma e l’estetica della cucina angolare

Il primo aspetto da valutare riguarda la forma e l’estetica della vostra cucina ad angolo. Esistono due diverse tipologie di cappe angolari:

a forma di T: queste cappe coprono solo la superficie di cottura e si sviluppano in verticale lungo un lato dell’angolo;
a camino: queste cappe coprono sia il piano cottura sia parte del piano di lavoro, e hanno appunto una struttura a forma di camino che si sviluppa verso l’alto per convogliare i fumi e gli odori.

 

La scelta tra queste due opzioni dipende dai vostri gusti, dallo stile della vostra cucina e dal tipo di piano cottura (ad esempio, se a induzione o a gas).

 

Se amate l’estetica minimale e un piano cottura ad induzione, una cappa a T potrebbe bastare. Invece, se avete scelto piani di cottura più tradizionali a gas, o se desiderate maggiore libertà di movimento durante la preparazione dei pasti, una cappa a camino potrebbe essere l’ottimale.

Come prendere le misure correttamente

Una volta individuata la tipologia di cappa più adatta, il prossimo passo riguarda la misurazione accurata dello spazio disponibile.

 

La formula da seguire, sia per le cappe angolari a T che per quelle a camino, è piuttosto semplice: la dimensione minima della cappa dovrebbe essere almeno pari alla larghezza del piano cottura, con una sporgenza di 15-20 centimetri su entrambi i lati.

 

Ad esempio, se il piano cottura fosse largo 60 cm, la vostra cappa dovrà misurare almeno 90 cm (60 cm + 20 cm + 20 cm).

 

Se lo spazio lo consente, è consigliabile decidere per una cappa più grande, che possa garantire una migliore copertura dell’area di cottura e una maggiore efficienza di aspirazione e trattamento dell’aria ambientale.

 

Non tralasciate mai l’altezza del soffitto per determinare la giusta sporgenza della cappa a camino, assicurandovi di lasciare uno spazio di sicurezza di almeno 65-75 centimetri tra il piano cottura e la parte bassa della cappa stessa.

Altre caratteristiche tecniche da valutare

Oltre alle dimensioni, ci sono alcune caratteristiche tecniche importanti che non dovrebbero passare in secondo piano per la scelta della vostra cappa angolare:

la potenza di aspirazione: si misura in metri cubi all’ora e indica la quantità di aria che la cappa riesce ad aspirare in un’ora. La potenza necessaria varia a seconda dell’uso che si fa della cucina, del volume dell’ambiente cucina e del tipo di piano cottura;
la rumorosità: è importante scegliere anche in base a questo, affinché il tempo passato in piscina non risulti uno stress per l’udito;
tipologia di aspirazione: le cappe aspiranti convogliano l’aria interna intrisa di forme, vapori e odori verso l’esterno tramite una canna fumaria, mentre quelle filtranti la purificano e la reimmettono nell’ambiente;
design e finiture: scegliete un modello che si integri perfettamente con l’estetica della vostra cucina angolare, tenendo conto anche della facilità di pulizia e dei costi di manutenzione.

 

Seguendo i nostri consigli e valutando con cura tutte le opzioni, troverete sicuramente la cappa perfetta per il vostro spazio di cottura, che si trasformerà in un luogo di creazione e di convivialità per tutta la famiglia.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here