Forte partecipazione giovanile per la fotoreporter Rosa Schiano, al circolo Arci “Al Verde” di Bernalda

0
245

Sabato 7 giugno, si è tenuto, presso il circolo Arci “Al Verde” di Bernalda, l’incontro organizzato dall’Associazione Culturale “RadioRaptus Bernalda” con l’attivista e photoreporter napoletana Rosa Schiano. Impegnata come volontaria nell’International Solidarity Movement, Rosa si trova dal 2011 in Palestina, precisamente nella Striscia di Gaza, per prestare aiuto e supporto alle popolazioni locali che resistono all’occupazione israeliana. L’attivista italiana ha raccontato attraverso foto e video, la situazione nella Striscia di Gaza, soffermandosi sulle condizioni in cui sono costretti a lavorare contadini e pescatori. Particolarmente toccante e ricco di immagini e filmati il racconto dell’offensiva militare israeliana del novembre 2012, denominata “Colonna di Difesa”. E’ in questo periodo che l’attivista attira su di se l’interesse dell’opinione pubblica. Una sua foto infatti, scattata all’interno dell’ospedale di Gaza e che ritraeva i corpi senza di vita di quattro bambini fa, attraverso i social network, il giro del mondo.
“Questo evento, spiega Giovanni Paradiso presidente dell’associazione, aveva l’obiettivo di sensibilizzare ed informare, attraverso la testimonianza diretta e la voce di chi sul campo vive quella realtà, circa la situazione della popolazione palestinese a Gaza che è uno dei luoghi più densamente popolati al mondo, soprattutto da bambini, e che, ancora oggi, è afflitto da un disastro umanitario che dura ormai da anni.”
Numerose le persone accorse all’iniziativa, fortemente voluta dall’associazione culturale bernaldese che, da ormai 4 anni, promuove iniziative culturali sul territorio di Bernalda e Metaponto. Particolarmente nutrita la delegazione delle istituzioni locali. Il vice sindaco Eliana Acito, alla fine dell’incontro, ha voluto far sentire, A Rosa Schiano, la vicinanza del Comune di Bernalda consegnandole, un attestato di “stima e riconoscenza”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here