Il Comune di Matera non accetterà le domande del bonus gas. I cittadini protestano

0
3120

Con uno scarno post sulla propria pagina Facebook il Comune di Matera ha annunciato questa mattina che domani, 10 ottobre, non accetterà le richieste per usufruire del bonus gas regionale. La decisione ha scatenato le proteste dei cittadini, soprattutto tra coloro che non hanno uno spid e quindi non possono inviare la domanda telematicamente sul portale predisposto dalla Regione Basilicata. Sul sito internet del Comune di Matera non c’è alcuna comunicazione ufficiale in merito alla mancata accettazione della domanda e qualcuno già parla di negazione di un diritto ai cittadini attuata arbitrariamente dal Comune.

di seguito il post del comune:

“Si informa che il Comune di Matera non attiverà lunedì 10 ottobre il servizio di raccolta e compilazione delle autocertificazioni, in attesa di incontri chiarificatori con la Regione Basilicata nei prossimi giorni, volti a fornire un servizio ai cittadini più agile, comodo e sicuro. Pertanto, si invita a pazientare e non recarsi in Comune per il bonus gas sino a nuova comunicazione.

“A seguito del Direttivo ANCI, della riunione convocata d’urgenza tra una delegazione dei Comuni e la Regione Basilicata e a causa di varie e contrastanti notizie che continuano a circolare, anche sul web e sui social, sull’argomento in oggetto, – dichiara il Sindaco di Matera – voglio, definitivamente, spiegare e ribadire che, solo dopo l’incontro chiarificatore, che si terrà lunedì 10 ottobre, i cittadini riceveranno informazioni dettagliate circa le modalità di consegna e/o trasmissione dei modelli di autocertificazione. Con invito fino ad allora a pazientare e a non recarsi presso gli uffici comunali di Matera, per presentare l’autocertificazione per la finalità di cui all’oggetto. È, in ogni caso, confermata la più ampia e proficua collaborazione da parte del Comune di Matera in favore della Regione Basilicata per rendere, senz’altro ed in tempi rapidi, possibile il rimborso in bolletta del beneficio ai materani che ne hanno diritto. E’ un intervento lodevole e necessario soprattutto in questo momento, purtroppo organizzato in modo tale che ai comuni non sia stato concesso neanche il tempo minimo indispensabile per poter organizzare gli uffici al fine di garantire una migliore e rapida acquisizione delle autocertificazioni in modo efficace e sicuro.”

Alle ore 18:35, di venerdì 7 ottobre, veniva diramato un comunicato stampa con il quale la Regione Basilicata ha previsto che i titolari di utenze domestiche, residenti nel territorio regionale, tramite autocertificazione firmata, “presentata direttamente con la certificazione SPID, presentando il modulo cartaceo presso gli uffici del Comune dal giorno 10 ottobre 2022 al 15 ottobre 2022”, potranno vedersi riconoscere il  “Contributo Mensile Gas Regione Basilicata”.

Nel medesimo giorno, prima di tale comunicato, in un orario di chiusura degli uffici comunali, tutti i Comuni della Basilicata ricevevano una nota, a firma del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta Regionale, ove, tra l’altro, si riporta che “A decorrere dal giorno 10 ottobre 2022 le amministrazioni comunali in indirizzo potranno organizzare gli uffici per ricevere le autocertificazioni su modello allegato 1 dai cittadini beneficiari della misura”.

Replicava, in data odierna, alla predetta nota dell’Ufficio di Gabinetto dell’ente regionale, il direttivo di ANCI Basilicata, lamentando, principalmente, come la Regione Basilicata, senza alcuna preliminare interazione e concertazione, avesse chiesto ai Comuni di sbrigare adempimenti che non appartengono alla loro competenza o di cui, comunque, non si fa menzione nel disciplinare di attuazione approvato con DGR n. 625/2022.

È stata convocata per lunedì 10 ottobre, alle ore 15:00, una riunione, d’urgenza, tra una delegazione di sindaci dei Comuni della Basilicata e la Presidenza della Giunta Regionale, nel corso della quale saranno, più ampiamente, specificati e condivisi i servizi e le procedure che –  ferme le competenze attuative previste dal disciplinare di attuazione delle legge regionale n. 28/2022 –  i singoli uffici comunali potranno essere chiamati ad attivare per raccogliere, in maniera adeguata, le autocertificazioni di quei cittadini beneficiari del contributo gas.

Si ritiene utile far presente che i cittadini residenti in Basilicata, con utenza metano attivata, per avere il contributo bonus gas potranno procedere a compilare, direttamente, l’autocertificazione accedendo alla piattaforma regionale www.apibas.it/bonusgas, seguendo le indicazioni presenti nella pagina stessa”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here