Ater Matera approva il Piano delle azioni positive dell’ente per il triennio 2023-2025

0
3150

“Valorizzare le differenze è un fattore di qualità per l’azione amministrativa: attuare le pari opportunità significa innalzare il benessere organizzativo e quindi il livello di qualità dei servizi.” sono questi gli obiettivi del Piano delle Azioni Positive 2023-2025 approvato dell’Ater Matera – afferma Lucrezia Guida (Amministratore Unico dell’Ente).

Coincide con la giornata internazionale della donna, la diffusione del piano per contrastare ogni forma di discriminazione sul lavoro, promuovere la diffusione del benessere organizzativo e migliorare la qualità del servizio agli inquilini.

L’ATER di Matera ha approvato il “Piano delle azioni positive per il triennio 2023-2025” con l’obiettivo di promuovere l’equità di genere, le pari opportunità e l’inclusione sociale, al fine di aumentare l’efficienza organizzativa e migliorare la qualità dei servizi resi agli inquilini. Il piano si inserisce in un contesto di forte cambiamento organizzativo e di ricambio generazionale che ha interessato negli ultimi anni gli uffici dell’Ente.

L’amministratore unico dell’ATER di Matera, Lucrezia Guida, ha dichiarato che “questo piano mira a creare le migliori condizioni per il benessere sul luogo di lavoro, il che si rifletterà in un servizio migliore per gli inquilini. Il piano non comporterà costi maggiori per l’ente ma rappresenta uno strumento per realizzare l’uguaglianza sostanziale tra uomini e donne nel lavoro. L’attenzione e la sensibilità dell’ATER Matera sono molto elevate su questi temi, per garantire un percorso lavorativo ed organizzativo sereno e stimolante. Il Piano infatti si inserisce nell’ambito delle iniziative promosse dall’amministrazione per dare attuazione agli obiettivi di pari opportunità, così come prescritto dal Dlgs. n. 198/2006, “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna”, in particolare dall’art. 48.”

Secondo Guida, “valorizzare le differenze è un fattore di qualità per l’azione amministrativa: attuare le pari opportunità significa innalzare il benessere organizzativo e quindi il livello di qualità dei servizi. Le azioni previste dal Piano includono l’erogazione di questionari sul benessere organizzativo ai dipendenti, attività di informazione e formazione del personale. In un mondo del lavoro in continua evoluzione, una politica che punta alle pari opportunità deve eliminare tutti gli ostacoli che impediscono il processo di uguaglianza e il Piano ci aiuterà in questo processo”, ha concluso Guida.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here