“@fotografando_basilicata”, i 131 comuni lucani scattati da un napoletano

0
407

copertina fotografando-basilicata-Fabio-Cocchia-basilicata-magazine

@fotografando_basilicata – un napoletano in Basilicata: sembra il titolo di film di Alberto Sordi invece è un profilo Instagram. Il sottotitolo: L’impresa consiste nel riuscire a visitare tutti i 131 comuni in Basilicata.
L’idea di questa persona (o di questo staff di persone) che gira per i paesini lucani a scattar foto per poi pubblicarle sul social fotografico, affascina tutti, dal lucano residente, al nostalgico, all’oriundo, al viaggiatore alla scoperta di mondi in ombra e sconosciuti.
E’ più di un anno che seguo il percorso di @fotografando_basilicata, lo aspettavo a Pisticci, speravo di incontrarlo, di conoscerlo, di capire il perché di questo faticoso progetto. Finalmente vedo pubblicate le foto del mio Paese: l’opportunità è sfuggita.
D’istinto gli comunico la mia delusione commentando una sua foto, di lì si instaura un piacevolissimo dialogo epistolare in versione 2.0.
Nel frattempo in paese tutti parlano di questo misterioso signore, probabilmente un uomo in pensione che occupa il tempo libero a girare la misconosciuta provincia italiana; molti delusi quanto me di non averlo potuto accompagnare durante la sua passeggiata pisticcese.
Conversando con i baristi che gli hanno servito i “sospiri” che partecipano al suo personale concorso “alla ricerca del sospiro più buono della Lucania”, scopro che non si tratta di un pensionato, bensì di un uomo tra i 40 e i 50 anni. Scopro, inoltre, che a Pisticci è venuto verso la fine di agosto, in una giornata che non gli ha donato soddisfazioni fotografiche a causa di una cattiva luce e che l’ha costretto a tornarci il 21 ottobre scorso.
Continua nel frattempo lo scambio di messaggi tra me e @fotografando_basilicata, e, in uno di questi, gli confesso la mia intenzione di voler scrivere un pezzo su di lui; gli chiedo, quindi, informazioni utili a stilare una sorta di identikit di questo soggetto che di nome fa Fotografando e di cognome Basilicata. Compiaciuto, risponde che mi avrebbe narrato qualcosa del suo progetto.
Fabio Cocchia, 42 anni, napoletano, si presenta e racconta tutto d’un fiato la genesi del progetto @fotografando_basilicata.
Si definisce un artista, spazia dalla pittura alla grafica, alla progettazione, esperto in modellazione 3D. Da due anni vive a Potenza, in Basilicata, regione che conosce pochissimo e che reputa ideale per un progetto di promozione territoriale. Di qui nasce la volontà di visitare tutti i 131 comuni della Regione, senza alcuna distinzione o pregiudizio, senza tracciare un percorso vero e proprio: la località viene stabilita dal caso, dalle condizioni meteorologiche o da eventi, sagre, feste patronali.
Stabilita la meta, Fabio si documenta quel tanto che basta per non tralasciare l’indispensabile, ma volutamente non approfondisce per riservarsi lo stupore del viaggiatore.
Fabio non si limita a fotografare. Chiacchiera con la gente del luogo, prova ad integrarsi, e noi lucani sappiamo essere accoglienti e familiari, tanto da non far andar mai via un nostro visitatore a mani vuote.
Con Instagram @fotografando_basilicata trova il modo per condividere la sue esperienze.
Cosa lo spinge a compiere l’impresa non è chiaro, o meglio, lui racconta di una passione, di una sorta di terapia che l’aiuta a stare bene, che lo diverte, che l’arricchisce come persona. Dice anche di esser spinto dal desiderio di un riscatto meridionale mosso da un orgoglio acquisito durante gli studi universitari.
“Meritano davvero visibilità questi luoghi inspiegabilmente poco conosciuti ma ricchi di storia, opere d’arte, leggende, tradizioni e paesaggi mozzafiato!”
Il racconto è affascinante proprio come il progetto: è quello che ti aspetti, è quello che @fotografando_basilicata da mesi racconta e si fa raccontare da chi quei luoghi li vive, li ha vissuti o, grazie alle sue immagini, sogna di vederli. Lo scatto di Fabio Cocchia, il napoletano in Basilicata, è un soffio di vento sul prato, quel soffio che arriva, solleva l’erba e ne effonde il profumo.
E’ quella folata d’aria fresca che ti invita a respirare a pieni polmoni.
Il suo sguardo posato in ogni angolo o volto lucano, può piacere o non piacere, di certo commuove ed educa non solo a guardare, ma anche a mirare e, perchè no, ad ammirare la Basilicata.
Non solo fotografandola.

 

fotografando-basilicata-Fabio-Cocchia-basilicata-magazine 8 fotografando-basilicata-Fabio-Cocchia-basilicata-magazine 7 fotografando-basilicata-Fabio-Cocchia-basilicata-magazine 6 fotografando-basilicata-Fabio-Cocchia-basilicata-magazine 5 fotografando-basilicata-Fabio-Cocchia-basilicata-magazine 4 fotografando-basilicata-Fabio-Cocchia-basilicata-magazine 3 fotografando-basilicata-Fabio-Cocchia-basilicata-magazine 2

In ordine: Tricarico (MT) – Muro Lucano (PZ) – Satriano di Lucania (PZ) – Pisticci (MT) – Matera – Forenza – Castelmezzano

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here