Il Premio David di Donatello parla lucano: il regista Albano festeggia con il suo “Thriller”

0
226

Una nuova emozione per il cinema lucano e per la Basilicata intera: il cortometraggio del regista bernaldese Giuseppe Marco Albano ha conquistato l’ambito premio David di Donatello come miglior corto del 2015 . Un riconoscimento prestigiosissimo che si aggiunge agli oltre quaranta premi che il cortometraggio è riuscito a conquistare in questi anni: selezionato in oltre cento concorsi nazionali ed internazionali, il prodotto del regista di Bernalda ha esportato in tutto il mondo il problema ambientale di Taranto, raccontato attraverso la passione di un giovane ragazzo di nome Michele che, amante di Michael Jackson, racconta la difficile questione salute-lavoro che sta perseguitando la Città dei due Mari ormai da decenni sui passi della famosa canzone dell’artista americano. Nella troupe del prodotto cinematografico anche un altro bernaldese: si tratta di Angelo Troiano che ha rivestito il ruolo di produttore esecutivo; tra gli attori figurano Anna Ferruzzo, Antonio Gerardi e Danilo Esposito. Il regista del corto Albano commenta così il nuovo successo del suo lavoro, frutto di tanti sacrifici ed altrettanti riconoscimenti: “Il David di Donatello ci riempie di orgoglio e di gioia. Parlo a nome di tutto il cast e la troupe che ha lavorato per Thriller. Un successo, che ci ripaga dei tanti sforzi fatti in questi anni e che da nuova carica per le nuove idee ed i progetti sui quali stiamo già lavorando. Voglio ringraziare il produttore Angelo Troiano di Basiliciak Associazione Culturale, l’Apulia Film Commission, la mia famiglia, gli amici che da sempre mi sono vicini e tutti coloro i quali ci hanno sostenuto con il loro entusiasmo.” Prosegue a gonfie vele l’attività del giovane regista di Bernalda che, con questo riconoscimento, arricchisce il suo già ricco palmares e l’intenzione è quella di continuare su questa strada.
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here