Derby biancoazzurro: Matera e Real Metapontino a confronto

0
256

Torna il bel tempo, tornano le belle partite ad arricchire la domenica degli sportivi lucani: spentosi il ciclone Nettuno che ha devastato la nostra bella Basilicata, finalmente, anche per dimenticare gli assili e le preoccupazioni, i lucani possono tornare allo stadio e per novanta minuti cercare di incitare i loro beniamini alla conquista della vittoria.
In Lega Pro il Melfi va in scena sul difficilissimo campo di Ischia con l’obiettivo di non prenderle e di riservare qualche sorpresa agli isolani. La truppa di mister Bitetto, reduce dal rinvio della partita di domenica scorsa contro la Casertana, ha a disposizione tutti gli effettivi e aspetta la finestra di mercato di metà dicembre per puntellare una rosa giovane che, nonostante abbia perso qualche punto per strada, è reduce da ottime partite e sembra essere la vera mina vagante di questo girone. Per avere la meglio sugli ischitani, Cruz e compagni dovranno giocare al massimo dell’attenzione e con la determinazione giusta: servirà anche un piglio di spregiudicatezza per conquistare altri punti importanti per la permanenza nei professionisti. Dall’altro lato c’è una signora squadra, l’Ischia di Sasà Campilongo, reduce dalla vittoria del girone H di Serie D, con un allenatore che vanta esperienze in Serie B e con la voglia di conquistare altri punti per raggiungere i quartieri alti della classifica: la rosa degli isolani vanta giocatori di rilievo come Schetter e Di Nardo che stanno facendo le fortune dei gialloblù. Mister Campilongo sa bene di non dover sottovalutare il Melfi e conta sulla maggiore esperienza dei suoi per avere la meglio sui lucani. Partita apertissima a qualsiasi risultato e sicuramente bella da vedere. Fischio d’inizio alle ore 14:30.
Matera e Real Metapontino si affrontano nel derby della quindicesima giornata di Serie D: partita ostica per la formazione della città dei Sassi che trova, dopo due settimane di stop, un Real in netta ripresa (4 punti nelle ultime due partite) e voglioso di allungare a tre la striscia di risultati utili consecutivi. Il Matera, dal canto suo, dopo lo stop forzato con l’altro Real, quello di Marcianise, vuole riassaporare il dolce gusto dei tre punti e continuare la rincorsa al vertice: ma per farlo deve superare i terribili ragazzi di patron Casalnuovo che, in queste settimane ha rivoluzionato la rosa con gli acquisti di De Tommaso, Lacarra, Partipilo e Barreca. Nemmeno il Matera è stato a guardare: il presidente Colummella, come antipasto natalizio, ha regalato ai tifosi materani le prestazioni di bomber Titone, ma ha altri colpi in canna per affidare a mister Toma la migliore formazione possibili. Intanto Lulù Oliveira ha lasciato il Matera per accasarsi a Pordenone: il fantasista ex Cittadella non rientrava nei piani di Toma; con lui ha salutato anche di Gennaro. Si gioca al Rocco Perriello di Policoro, pronto ad ospitare circa mille tifosi materani che parteciperanno in massa alla trasferta più vicina del campionato. Mister Catalano ha preparato con molta accortezza la gara, cercando ci capire i punti deboli della corazzata materana; Mister Toma scalpita per tornare a giocare e si affida alla coppia di attacco Letizia-Majella per battere il portiere della Celeste che, questa domenica, dovrebbe essere Marino.
Impegno esterno, invece, per il Francavilla che se la vedrà con il forte Brindisi di mister Ciullo in una sfida importante in chiave play-off. I sinnici, dopo lo stop forzato di domenica scorsa per maltempo, affrontano un’altra corazzata e puntano a racimolare altri punti importanti per rafforzare il prestigioso quinto posto ora occupato. Ma il Brindisi, intanto, ha acquistato Vetrugno e Ancora e punta a fermare la serie positiva del team di mister Lazic, il quale è reduce da quattro vittorie consecutive. Non sarà facile avere la meglio sul Francavilla per i brindisini che, tuttavia, potranno contare sull’appoggio del magico stadio “Fanuzzi”, pronto ancora una volta a sospingere i suoi beniamini. Mister Lazic si affida alla buona forma di Aleksic per piazzare l’ennesimo colpaccio di un campionato diventato di colpo entusiasmante.
In Eccellenza si riprende da dove tutto si era fermato: infatti, il Comitato Regionale ha imposto che si giocasse la tredicesima giornata, rimasta ferma domenica scorsa. Il tema è sempre lo stesso, quindi: questo week-end designerà quale formazione sarà la vera anti-Potenza. Infatti, se il Rossoblù Potenza di mister Camelia sono impegnati al “Viviani” contro il temibile Pietragalla, squadra molto rognosa, le inseguitrici Viggiano e Picerno si affrontano in un match intenso e dalle difficili previsioni; per avere la meglio sugli uomini di Catalano, i viggianesi dovranno giocare una autentica “partita della vita” per continuare l’inseguimento ai potentini i quali, in caso di pareggio tra le dirette inseguitrici, avrebbe l’opportunità di accelerare ed aumentare il proprio vantaggio. Ma questa giornata ha in serbo un altro big-match tra grandi poichè a Maratea si affrontano Lagonegro e Murese: chi vince ha la possibilità di avvicinarsi fortemente al terzo e al secondo posto. La Murese incontra, ironia della sorte, il suo ex allenatore Lardo che, domenica, fa il suo esordio sulla scottante panchina lagonegrese. Il Moliterno, lontano sei punti dalla zona play-off, visti tutti questi scontri diretti, ha l’opportunità di ritornare in gioco, ma per farlo deve battere l’Aurora Marconia al “Gaetano Michetti” di Pisticci: la formazione del comprensorio pisticcese, reduce dal blitz di Oppido, dovrà fare a meno di Lavecchia squalificato, ma cercherà altri tre punti necessari per il mantenimento della categoria. Il bomber moliternese Branda ritorna nel suo ex-stadio, dove, con la casacca gialloblè in serie D, segnò 4 gol in quindici apparizioni. Il Real Tolve, dopo aver ipotecato la finale di Coppa Italia, si tuffa in campionato con l’obiettivo di non perdere altri punti per strada e di non allontanarsi ancora dalle zone che contano: per farlo mister De Nora ha permesso il ritorno a Tolve di Gambino che sarà disponibile nella sfida domenicale contro il rinato Villa D’Agri di Arleo. Per la tranquillità si sfidano la Vultur Rionero e l’Oppido: entrambe le deluse di questo campionato provano a tirarsi fuori dalle zone rosse del campionato per raggiungere una tranquilla salvezza. Sfida da brividi quella tra Vitalba e FST Rionero: chi perde si ritroverà ultima in classifica. Chiude il programma il match-salvezza tra Pignola e Pomarico con mister Motta pronto al colpaccio esterno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here