I talenti e le sorprese della prima parte di Serie A 

0
2048

Il campionato di Serie A, nonostante abbia forse un po’ perso quel fascino unico degli anni ‘80 e ‘90 con i migliori calciatori del mondo a calcare i campi italiani, continua a far vedere calcio di qualità. Ciò anche grazie al lavoro di osservatori e selezionatori che in un’epoca globale riescono a trovare anche risorse estere. In questa prima parte del torneo sono diversi i calciatori che si sono messi in luce, tralasciando per un attimo grandi campioni come Khvicha Kvaratskhelia del Napoli o altre personalità che molto probabilmente potranno rappresentare introiti fondamentali in caso di cessione.

Coulibaly della Salernitana: un potenziale pezzo da 90 

La Salernitana di Iervolino non è stata rivoluzionata da capo a piedi rispetto alla scorsa stagione. Sono infatti rimasti gli stessi i protagonisti del miracolo salvezza. Fra questi c’è un calciatore che sta sempre più facendo parlare di sé, ed è Lassana Coulibaly, centrocampista di contenimento che al momento vale tre milioni di euro. Il giocatore di nazionalità maliana ha 26 anni, e sembra adesso arrivato alla piena maturazione anche tattica, comparendo tra l’altro al quarto posto fra i centrocampisti che hanno sottratto più palloni agli avversari. Potrebbe rappresentare un buon incasso per Iervolino in caso di vendita, anche se il calciatore ha un contratto fino al 2026 che lo lega alla Salernitana.

Lo juventino Miretti: da debuttante a veterano in due mesi 

Fabio Miretti ha coronato il proprio sogno di indossare la maglia della Juventus, club che a giudicare dalle scommesse sulla Serie A, è tra le prime 6 squadre candidate alla vittoria dello scudetto, classifica per il momento capeggiata dal Napoli. Il calciatore bianconero classe 2003 e nato a Pinerolo, è un talento delle giovanili della Juve, e sebbene l’anno scorso in A abbia collezionato soltanto sei apparizioni, il piglio con cui ha cominciato la stagione 2022/2023, oltre a essere da applausi, è da vero e proprio veterano. La personalità con cui interpreta le varie fasi di una partita è ormai uno dei pochi motivi di soddisfazione della squadra bianconera di quest’inizio anno. Basta dire che a giugno 2022 Miretti valeva cinque milioni e a oggi ne vale il triplo.

Fabiano Parisi dell’Empoli: tanta qualità e personalità

Nel 2021 valeva due milioni di euro, nel 2020 450 mila euro, e nel 2019 “appena” 250 mila euro. Adesso il cartellino di Fabiano Parisi, terzino sinistro dell’Empoli vale ben sette milioni di euro. Niente male per un calciatore che fino a due anni fa militava nell’Under 19 del Benevento. Il mancino della squadra toscana è in assoluto fra i migliori terzini del campionato già dall’anno scorso e la convocazione da parte del CT Mancini nel 2022 è stata solo la conferma del talento dell’atleta nato ad Avellino.

Il difensore atalantino Caleb Okoli 

Quest’anno è stato a un passo dall’andare alla Salernitana, ma la squadra bergamasca fra lui e Lovato ha preferito far partire il secondo verso Salerno nell’operazione che ha portato Ederson a Bergamo. Okoli sta confermando quanto di buono detto su questo calciatore nato a Vicenza nel 2001. Se la “nuova” Atalanta di Gasperini è partita davvero forte, e può di diritto lottare per lo scudetto fino a fine campionato, il merito è anche di questo difensore che ora vale cinque milioni, ma che a giugno 2023 potrebbe addirittura valerne il doppio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here